Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Terrorismo e criminalità organizzata


Mafia cinese o made in China? PDF Stampa E-mail

Sara Pezzuolo, Giovanni Manfrellotti, Mafia cinese o made in China? La criminalità cinese in Italia: personaggi, testimonianze, reati e azioni di contrasto, Firenze, Società Editrice Fiorentina, 2008 

matitacineseEsiste la mafia cinese in Italia o gli episodi di criminalità all’interno delle cosiddette Chinatown sono “semplicemente” l’espressione di una cultura diversa dalla nostra?
Gli autori del presente volume ricostruiscono il fenomeno della malavita cinese nel nostro Paese attraverso l’analisi delle sentenze dei maggiori casi giudiziari, le testimonianze, le intercettazioni telefoniche, cercando di comprenderne le dinamiche alla luce di una differente cultura, arrivando ad affermare che tale realtà è riconducibile alle associazioni di stampo mafioso. Vengono esaminati i maggiori reati (immigrazione clandestina, prostituzione, rapine, estorsioni, spallonaggio, contraffazione marchi, traffico di stupefacenti), le problematiche a essi inerenti considerando l’azione di contrasto posta in essere dalle Autorità Giudiziarie. Ne viene fuori un quadro esaustivo, che permette di conoscere più a fondo un mondo distante dal nostro, ma che, allo stesso tempo, cresce accanto a noi.

 
Breve storia dell'autobomba PDF Stampa E-mail

DAL 1920 ALL'IRAQ DI OGGI. UN SECOLO DI SPLOSIONI

DAVIS MIKE

Editore: EINAUDI

Pubblicazione: 09/2007
Numero di pagine: 257
Prezzo: € 14,50

 


autobombaNel settembre del 1920 Mario Buda fa esplodere in piena Wall Street un carro trainato da cavalli e imbottito di dinamite e pezzi di metallo, l'esplosione uccide 40 persone e inaugura quella che sarebbe diventata una delle più micidiali armi da guerriglia urbana, l'autobomba. Il prototipo messo a punto dall'anarchico italiano, tempo qualche decennio, diventerà l'arma del terrorismo globale. Rileggendo la storia del secondo dopoguerra, Davis ripercorre l'uso, le trasformazioni, gli scopi di un ordigno povero che ha esiti molto più devastanti dei missili da milioni di dollari e che ha modificato totalmente l'idea stessa di guerra. Se un tempo eserciti e armamenti erano convenzionali, la maggior parte degli attuali conflitti sul pianeta hanno carattere di guerriglia e nell'autobomba l'arma più efficace e a buon mercato.

 

 

 
La rete dell'Odio PDF Stampa E-mail

di Marco Innamorati e Alessandro Rossi - Valter Casini Editore
Analisi Strategica, Semiotica e Psicologica dell'Integralismo, Fondamentalismo e Razzismo in Internet

Clicca qui per visualizzare l'indice del libro in formato PDF

Ne La Rete dell'Odio Marco Innamorati e Alessandro Rossi hanno monitorato e analizzato nel dettaglio siti web, chat room, newsgroup e altre risorse on-line di oltre 1.500 Gruppi di Protesta Violenti, ossia gruppi od organizzazioni che perseguono ciascuno le proprie agende politiche, sociali, religiose attraverso il ricorso diretto, il supporto o l'invito alla violenza.
Il termine Gruppi di Protesta Violenti, quindi, include un ampio spettro di realtà, che spaziano dalle organizzazioni con obiettivi fortemente anti-sociali (gruppi razzisti, antisemiti, etc.) sino alle vere e proprie organizzazioni terroristiche, quali Al Qaeda, Hamas, POJ, Hizbollah, etc.
Il volume prende in esame l'uso che questi Gruppi di Protesta Violenti fanno del medium telematico, illustrandone i possibili sviluppi futuri e le implicazioni in termini di tematiche quali sicurezza, privacy e diritto alla libertà di espressione.
Inoltre, si descrive approfonditamente il modus operandi dei Gruppi di Protesta sulla rete Internet, analizzandone strumenti e metodi di comunicazione, impostazione strategica e logistica, e il supporto che la tecnologia dell'informazione e della comunicazione offre loro in ambito di propaganda, proselitismo e motivazione.
Allo studio hanno collaborato vari enti ed istituzioni internazionali, come Internet Haganah ed il Simon Wiesenthal Center.
462 Pagine, € 16,00

 
Il Terrorismo Suicida: Archetipo e Mito PDF Stampa E-mail

Genere: Autoprodotti
Autore: Fabrizio Giuliani
Editore: eBook Prodotti dagli Autori
Pagine: 160
Anno: 2008


terrorUn saggio sulla predisposizione mentale del terrorista suicida, osservato dalla prospettiva della psicologia archetipica e dell’esperienza numinosa come meccanismo attivante dell’aspirazione al martirio; l’importanza delle immagini in questo contesto psicopatologico.
Un documento alternativo sull’attuale e preoccupante fenomeno dell’utilizzo dell’arma umana nella nuova contrapposizione tra blocchi, sociali e religiosi e sui perché del dilagare di una disgregazione della psiche in alcune regioni della terra, corredate da un’attenta analisi sull’incisività di alcune tecniche di valutazione psicologica dei dati di intelligence disponibili nelle attività di previsione e di contrasto del nuovo terrore globale con una revisione, quindi, dei paradigmi investigativi.

Fabrizio Giuliani vive e lavora a Roma, si è laureato all’Università dell’Aquila in Scienze delle Investigazioni.
Esperto e studioso del terrorismo internazionale di matrice suicida, è consulente e docente per il Centro Europeo di Psicologia Investigativa e Criminale, nonché istruttore per la difesa nucleare, biologica e chimica.
Ha pubblicato diversi articoli per il periodico «l’Ideale» e per la rivista «Legalità e Democrazia».

 
Dalla Mano nera a cosa nostra PDF Stampa E-mail

Di Enzo Catania

Boroli Editore - Collana: Storia Storie memorie
Pagine 439 - Anno 2006 

neraSono presenti in questo libro tutti i protagonisti, di oggi e di ieri, della mafia e della lotta alla mafia. Da Joe Petrosino, il poliziotto italoamericano inviato a Palermo dalle autorità statunitensi per troncare la testa della "Piovra", a Cesare Mori, il "prefetto di ferro" che Mussolini mandò in Sicilia "per colpire al cuore banditismo e mafia"; da Al Capone, il gangster più famoso di tutti i tempi, a Lucky Luciano, che ebbe un ruolo di primo piano nel favorire lo sbarco degli Alleati in Sicilia, fino a Luciano Liggio e Totò Riina. Lo scenario è scandito da processi, pentimenti (a partire da quello decisivo di Tommaso Buscetta), stragi e agguati per togliere di scena oppositori spesso eroici.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2