Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Il sequestro di persona PDF Stampa E-mail

Simbologia della mutilazione in Sardegna

Susanna Loriga

110 pagine con illustrazioni
In libreria da ottobre
ISBN 88-7730-197-X

L’autrice propone una ricerca, unica nel suo genere, sulla mutilazione auricolare nei sequestri di persona, attraverso la viva esperienza di chi ha vissuto il dramma della prigionia. La mutilazione, studiata come linguaggio simbolico e criptato, affonda le sue origini nel codice barbaricino e trova dei punti di contatto, nel modus operandi, con la segnatura, eseguita ancora oggi in Sardegna, sugli animali. Il coltello utilizzato, “sa pattadesa”, status simbol del “balente” (l’uomo coraggioso) si riveste di un gran significato simbolico.
Le interviste alle vittime dei sequestri, sono ricche di particolari minuziosi sulle lunghe giornate trascorse con i sequestratori, suscitando nel lettore peculiari emozioni e inediti particolari con validi spunti sociali e antropologici, ricchi di particolari investigativi.
Contenuto:
Breve storia del sequestro.
La mutilazione nei sequestri di persona.
Interviste ad alcune vittime di sequestri in Sardegna. Significato della “Balentia”.
Il coltello sardo (“sa pattadese”).
La marchiatura.
Fotografie del coltello sardo ed i vari segni padronali sul bestiame